I sapori della tradizione

Sapori di Storia

La tradizione serve per allenare l’umiltà. Guardandosi alle spalle anche un grande chef stellato può trovare i fondamentali del gusto, quella cultura fatta di stratificazioni e miglioramenti continui, con piatti che si sono evoluti nonna dopo nonna, mamma dopo mamma. L’alta cucina diventa così una variante d’autore di un patrimonio infinito. Quindi bisogna farsi furbi. Perché la tradizione ci porta degli abbinamenti già belli e fatti. Già collaudati. Quello che fa in più uno chef d’alta cucina è alleggerire, usare delle tecniche di cottura che esaltino il prodotto , l’ingrediente. E mettere la fantasia al servizio della memoria.
La tradizione è questo: una storia che non possiamo smettere di ascoltare . Specialmente a tavola

Campi Flegrei

Rispondi