Non dimentichiamo i Legumi

Legumi

I Legumi
Elementi “plastici” ed “energetici”
I legumi come fagioli,lenticchie, fave e piselli sono alimenti d’antichissimo consumo, sebbene per secoli siano stati considerati poco pregiati e discriminati nella gerarchia alimentare.
Presso gli Egizi erano apprezzati i ceci, lenticchie e piselli mentre i fagioli venivano considerati cibo per poveri, secondo una classificazione ripresa anche da Plinio e Columella.
Erano consumati in grande quantità dai greci, etruschi e romani, mentre nel Medioevo e nel Rinascimento sembra fossero cibo prettamente contadino, quasi mai presente alla mensa dei signori,cultori e consumatori di carne d’ogni specie. In seguito alla scoperta delle Americhe, grazie alla conoscenza di nuove ed esotiche verità di fagioli,l’interesse per i legumi ritrovò un certo favore, ma fu con la Rivoluzione Francese che questi cibi salirono alla ribalta della gastronomia per la sovertita graduatoria della cucina aristocratica. Con circa 13.000 mila specie delle leguminose è la seconda famiglia più ampia nel regno vegetale, oltre ad essere economicamente importante. Contengono amido e proteine, e sono, tra gli alimenti vegetali i più ricchi di proteine vegetali della migliore qualità. Proprio per questo, costituiscono da soli uno dei sette gruppi nei quali sono suddivisi gli alimenti secondo le loro caratteristiche nutrizionali ( gli altri sono frutta, verdura, oli e grassi, cereali e tuberi, latte e derivati, carni-pesce-uova ) Per una corretta alimentazione bisogna consumare almeno una volta al giorno un componente di ognuno dei gruppi, anche i legumi, quindi, che non dovrebbero mancare nella dieta quotidiana, e che possono venir consumati sia freschi che secchi, adatti all’organismo umano a tutte le età.

Food & Beverage
Giuseppe Gaudino

n